Gli atleti

GIULIANO BRUCIA TUTTI !!!

Valutazione attuale:  / 3

Nonostante il calendario indichi ancora pieno inverno, domenica scorsa in quel di Fano si è disputata una gara su strada, la Coppa Carnevale.

Tra i partecipanti un NUOVO tesserato dell'Asd Cucco in Bike, GIULIANO BAZZUCCHI, che in questo 2015 dopo anni passati tra le fila di varie squadre, ma sempre presente insieme alla moglie ad aiutarci nell'organizzazione della Gran Fondo del Monte Cucco, ha deciso di diventare Sbuzzapapere.

Grazie anche ad un ottima preparazione in sella alla sua nuova mountain bike, in giro per i sentieri della nostra zona, con i nuovi compagni, che per testarlo hanno cercato anche di metterlo ko, chiude la gara con un onorevolissimo undicesimo posto nella sua categoria.

GRANDE GIULIANO e BENVENUTO nell'ASD CUCCO in BIKE!!!

(nella foto sotto Giuliano ed altri Sbuzzapapere durante un uscita ghiacciata a Valsorda). 

 

 

Luigi Ragnacci, il primo straniero della Cucco in Bike

Valutazione attuale:  / 0

La notizia ormai può essere data in via ufficiale: dal prossimo anno la Cucco In Bike avrà nella proprie fila il primo straniero della propria storia. In realtà si tratta di un italianissimo, Costacciarolo nativo, trasferitosi in Svizzera per lavoro ma soprattutto per amore di sua moglie Andrea. Luigi "the Mask" Ragnacci, ha per qualche anno appeso la bici, dedicandosi a lavoro e famiglia, ma da qualche tempo ha ripreso gli allenamenti con più lena, partecipando all'edizione 2012 della Gran Fondo MonteLuigi "Mask" Ragnacci Cucco con una prestazione di ottimo spessore. Forse anche da qui è nata la decisione di riprendere l'attività e rientrare a pieno titolo tra gli atleti della Cucco In Bike. La squadra è sicuramente entusiasta di riavere nel proprio organico un gladiatore, un lottatore mai domo che in ogni gara ha dato sempre il 120% delle proprie possibilità, mettendo il proprio sigillo conclusivo sulle ottime partecipazioni degli "Sbuzzapapere" alle 24h di Roma e Val d'Orcia. In particolar modo alla 24h di Val d'Orcia resta vivo il ricordo del suo giro, il penultimo nelle 24ore di gara, nel quale osteggiò ogni tentativo di recupero della squadra MTB Chianciano, permettendoci di vincere l'edizione. Altre eccezionali performance si ricordano alla gara di Cagli, dove sbagliando coperture inanellò un record di cadute (ben 14!!!!), rimasto ancora inavvicinabile o alla gara di Urbania dove si perse nelle montagne (ben 4 motociclisti partirono nella ricerca) e la giornata si concluse con un pic-nic all'aperto (all'arrivo il pasta party era ormai chiuso da un pezzo!). Memorabili le sue "sfide", scommesse su qualsiasi cosa potesse includere lui, la sua MTB e un tempo di percorrenza. Quindi, dalla prossima stagione, anche la Cucco in Bike avrà il suo straniero, anzi più precisamente il suo oriundo. Bentornato Mask, ci sei mancato!!!