Cucco MTB School - News

Cucco Mtb School Marco Bui: per noi un grande onore

Ormai da tempo vi abbiamo abituati a grandi, costanti ed incredibili novità, ma questa volta crediamo veramente di esserci superati. La costante e preziosa amicizia, che siamo onorati di avere da alcuni anni, con quello che senza dubbio è stato il più grande campione italiano di sempre, Marco Bui, ci ha permesso ed onorato di poter intitolare la nostra scuola di mountain bike, la Cucco MTB School, a lui. " Cucco MTB School Marco Bui", è un nome che siamo orgogliosi di portare e che speriamo di portare in auge con il nostro costante e speriamo eccellente impegno con le nuove generazioni di bikers. Ringraziamo Marco per questo che è per noi un grande regalo e lo aspettiamo ansiosi per fargli conoscere le nuove generazioni di mountain bikers che a lui si ispirano.


Alla Rampichiana debutto di due nuovi giovani della Cucco In Bike

Inizia la stagione agonistica 2014 e si va con la prima tappa del circuito 3 regioni Scott ed Italian 6 races con i loro numeri da capogiro: 1.200 partenti alla Rampichiana nella nuova location di Cortona, stupenda città Etrusca arrampicata sulle colline toscane... Colline che non risparmiano nulla ai biker, dato che nei 43 chilometri di gara i metri di dislivello sono 1.600 e nel mezzo ci si trova una salitina di 3 km su asfalto, ma al 22%, da togliere fiato ed energie anche ai più allenati.... Ma alla Rampichiana, che sfila come un copione già letto, la novità assoluta resta il debutto di 2 giovani della Cucco In Bike: Simone Massimi, Allievo 1° anno di Fabriano e Alice Simonetti, direttamente dal vivaio della Cucco MTB School. Simone stava facendo una gara di vertice, a ruota del primo della sua categoria, quando fora ma conclude dignitosamente: una grande delusione per lui, ma la stoffa c'è, si vede e le soddisfazioni per lui sono solo rimandate ad appuntamenti più fortunati. Per Alice invece, Esordiente 1° anno, gara attenta in mezzo ad atleti che spesso hanno poca attenzione per i più piccoli: vince la categoria, anche se la fatica su un percorso troppo lungo e duro per la sua età, in barba ai regolamenti federali, si è fatta sentire. Ma la tenacia di Alice è proverbiale ed alla fine rimane solo la soddisfazione. Bravi ragazzi, buona la prima... ne seguiranno molte altre.