Percorso e altimetria

Novità per la DECIMA edizione della GRAN FONDO

Ci sono progetti, idee, aspirazioni che le persone inseguono per tutta la vita, cercando di realizzarle con lavoro e tenacia. A volte vedono la luce, altre volte no, perché non dipende solo dalla nostra volontà, ma dalle condizioni esterne, dalla fortuna, ma molto più spesso dal gruppo e dalle persone che condividono lo stesso ideale e che, insieme, lavorano per realizzarlo. La Gran Fondo Monte Cucco è il frutto del lavoro di un gruppo sportivo, la Cucco In Bike, che è un insieme di volontari fatto di amici che condividono la stessa passione per lo sport. La Gran Fondo Monte Cucco è anche il frutto della collaborazione e del lavoro gratuito che un'intera comunità, quella di Costacciaro, dona alla manifestazione. La Gran Fondo Monte Cucco è una macchina perfetta che si alimenta grazie al sostegno degli sponsor, al calore delle persone, al lavoro degli organizzatori, alla fiducia dei partecipanti. La Gran Fondo Monte Cucco è una splendida favola che da Cenerentola si è trasformata in una magnifica principessa. Siamo partiti nel 2009, con 162 partenti, cartelli in cartone, molto entusiasmo, nessuna aspettativa, ma molti desideri nel cassetto. Nella gara del decennale, l'edizione 2018, abbiamo deciso di rivoluzionare il percorso rendendolo ancora più bello. Invariata la prima parte fino al paese di Scheggia, dopo il quale si raggiungerà con un single track Campitello, paesino di montagna dove la vita segue i ritmi naturali e la gente è profonda conoscitrice della terra e dei suoi frutti. Poi si sale fino a Pian di Spilli, per raggiungere Pian delle Macinare ed i suoi single track del "Fosso della Cerasa", "Lo Zio", "La ghiacciaia". Dopodiché la grande novità consisterà nella lunga discesa dello Schioppo preso da Punta Sassopecoraro, 10 chilometri, che condurrà al traguardo gli atleti, sostituendo la discesa del Beato e la successiva risalita. Abbiamo preso questa decisione perché nonostante la grande manutenzione che tutti gli anni richiede, la discesa del Beato tende a rovinarsi dopo pochi passaggi e questo è dato dal fondo, dalla pendenza e dalla continua discesa di sassi dalle rupi laterali. Il divertimento deve poter essere gustato e goduto dal primo come dall'ultimo ed è con questa coscienziosa riflessione che si è scelto di cambiare, inserendo una discesa lunga e guidata che porterà direttamente all'arrivo... Sarà un finale appagamento alle fatiche della giornata, ricco di scorsi panoramici, pezzi da guidare e da gustare fino in fondo. I km diventano 46,7, il dislivello 1.667. Troverete la stessa attenzione di sempre nei ristori, nella sicurezza, nel pasta party finale, nelle premiazioni, nei particolari. Nel suo decennale la Gran Fondo Monte Cucco innova per migliorare, per mostrare ai partecipanti ancora una volta la meraviglia del proprio territorio, dei propri percorsi, della natura incontaminata del parco naturale di Monte Cucco e della propria enogastronomia. Ed è riuscita a farlo grazie al lavoro del gruppo organizzatore che, ancora dopo 10 anni, si impegna con lo spirito e la passione della prima edizione.

Questa la traccia GPS:
https://connect.garmin.com/modern/course/16771914

Appuntamento quindi a Costacciaro il 10 Giugno 2018 per la DECIMA EDIZIONE della GRAN FONDO del MONTE CUCCO.

Percorso e Altimetria 2016

 

 

Descizione Percorso Lungo:

Come per la precedente edizione il giro lungo della gran fondo del monte cucco inizia con la caratteristica sfilata partendo dagli impianti sportivi di Costacciaro e proseguendo poi per il centro storico del paese.
Usciti dal paese si prosegue per un breve tratto percorrendo la Via Flaminia fino al cimitero di Costacciaro da li in poi il percorso continua nelle campagne limitrofe. Tratto di gara abbastanza scorrevole ma che presenta comunque due salite non lunghe ma con pendenze importanti che permetteranno al gruppo di fare le prime selezione per le posizioni di testa.
Superato questo tratto si arriva a Rancana altro piccolo paesino diviso tra i comuni di Costacciaro e Scheggia  da qui percorrendo un tratto di strada asfaltata si giunge a Scheggia dove una volta attraversata la strada statale avrà inizio la salita vera, cioè quella che porta al Monte Cucco, 10km con pendenza media intorno al 8% con tratti al 15% che faranno sudare i bikers presenti ma che saranno comunque ripagati dall’eccezionale panorama che troveranno una volta arrivati a pian di Spilli.
Arrivati al Monte Cucco saranno presenti diversi sali scendi nella zona delle Gronde per poi arrivare alla discesa di Col d’Orlando , sentiero veloce ma tecnico all’interno della faggeta del Cucco, da lì in poi altro breve tratto di salita fino a giungere a pian delle Macinare e al nuovo sentiero dello Zio , di nuovo discesa tecnica che poi porterà al single track della Ghiacciaia e alla ormai famosissima discesa del Beato Tommaso,all’ingresso della discesa i partecipanti verranno accolti da un  panorama mozzafiato ma che non dovrà togliere l’attenzione per poter affrontare la discesa più impegnativa della gara.
Gambe e braccia provate dalla discesa dovranno poi affrontare i 2,5km di single track in salita dello Schioppo ultimo tratto impegnativo della gara con tornanti stretti in salita , pendenza media anche qui intorno al 7% con tratti al 12%, si giungerà poi alla tecnica ma divertente discese dell’Acqua Santa che porterà al borgo del Caprile , l’arrivo è oramai a 2km.
 
Ultimo scoglio prima del traguardo la salita del Poggetto ai piedi del paese di Costacciaro , uno strappo di 150 metri con pendenza che arriva oltre il 20% vietato scendere l’incoraggiamento del pubblico farà tirare fuori ai bykers anche l’ultima goccia di energia, il traguardo è ormai vicino si costeggiano le mura del paese per poi tornare agli impianti sportivi dove ha sede l’arrivo .